Bonus Sociale Idrico

Dal 1° luglio è possibile richiedere il Bonus Sociale Idrico, una misura che ha l’obiettivo di ridurre le spese per l’acqua delle famiglie in situazione di disagio, come previsto dalle deliberazioni 897/2017/R/IDR del 21/12/2017, modificato e integrato con la deliberazione 5 aprile 2018, 227/2018/R/IDR.

Il Bonus è rivolto ai nuclei Isee fino a 8.107,50 euro oppure, nel caso di famiglie numerose (con più di tre figli a carico), con Isee non superiore a 20.000 euro.

Possono beneficiare dello sconto sulla bolletta sia i titolari di utenza idrica con fornitura autonoma ad uso domestico residente (utenti diretti) che uno dei componenti del nucleo ISEE che utilizza, nell’abitazione di residenza, una fornitura per il servizio di acquedotto intestata ad un’utenza condominiale (utenti indiretti).

La domanda per ottenere il Bonus va presentata, in forma di autocertificazione, presso il proprio Comune di residenza o presso un altro ente designato dal Comune (CAF, Comunità montane) utilizzando gli appositi moduli. I moduli sono disponibili sul sito www.arera.it e sul sito www.sgate.anci.it

Il Bonus idrico consente di non pagare un quantitativo minimo di acqua per persona all’anno (pari a 50 litri al giorno, 18,25 mc di acqua all'anno) corrispondente al soddisfacimento dei bisogni essenziali di una persona (decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 ottobre 2016).

Per calcolare il valore del bonus bisogna moltiplicare i 18,25 metri cubi di acqua, per l'importo della tariffa agevolata per uso domestico residente, per il numero dei componenti della famiglia anagrafica del residente.

L'erogazione del Bonus acqua avviene con modalità differenti:

• per gli utenti diretti, l'erogazione avviene in bolletta.

• Per gli utenti indiretti, il gestore provvederà ad erogare il bonus in un’unica soluzione, mediante bonifico/assegno.

Dal momento della presentazione della domanda al momento dell’erogazione del Bonus acqua possono passare diversi mesi, comunque l’utente riceverà una comunicazione che lo informa dei risultati delle valutazioni sui requisiti di ammissibilità (ISEE e residenza) o una comunicazione con l’indicazione del motivo per cui non è stato possibile confermare l’ammissione. 

Il Bonus è riconosciuto per un periodo di 12 mesi a decorrere dalla data di inizio agevolazione riportata nella comunicazione di ammissione e in bolletta. Al termine di tale periodo, per ottenere un nuovo bonus, l’utente deve rinnovare la richiesta di ammissione presentando apposita domanda un mese prima della scadenza. Un'apposita comunicazione verrà inviata a tutti gli utenti interessati in prossimità della scadenza, per ricordare la data utile per il rinnovo in continuità.